Panini al prosciutto cotto e formaggio~

Salve a tutti!

I panini al prosciutto e formaggio sono ottimi per la merenda ed ideali per la colazione e per uno spuntino veloce.

INGREDIENTI:

550gr di farina 00
1 uovo
250ml di latte
1 cucchiaino di zucchero
50ml di olio evo
1 bustina di lievito
Un pizzico di sale
80gr di prosciutto cotto
70gr di formaggio emmental
½ mozzarella

PREPARAZIONE:

Fate sciogliere il lievito e lo zucchero nel latte e fate riposare per qualche minuto.
Tritate il prosciutto, l’emmental, la mozzarella e mettete da parte.
In una ciotola unite la farina setacciata, l’uovo, l’olio, il composto di latte-lievito-zucchero ed impastate.
Aggungete della farina qualora l’impasto risultasse troppo appiccicoso.
Aggiungete il sale e continuate ad impastare.
Trasferite il tutto sopra un piano da lavoro infarinato e lavorate l’impasto per circa 5 minuti.
Aggiungete un po’ del composto di prosciutto e formaggi continunando ad impastare.
Aggiungete il composto (mai tutto insieme!) ed impastate.
Formate una palla e tagliatela.
Formate delle palline (io ne ho ottenute circa 13) e disponetele sopra una teglia da forno.
Coprite con pellicola trasparente e fate lievitare per almeno un’ora.
Spennellate la superficie con un composto di uovo e latte.
Infornate per 15 minuti in forno preriscaldato a 160°.

image

Manilu~

Pane per pita fatto in casa~

Salve a tutti!

Oggi vi propongo una ricetta che ho trovato nel canale di una delle mie guru e la trovo strepitosa!!

Si tratta della ricetta per fare il pane per pita fatto in casa.

INGREDIENTI:

225gr di farina
140ml di acqua tiepida
1 cucchiaino di lievito
1 cucchiaino di sale
2 cucchiai di olio evo

PREPARAZIONE:

In una ciotola fate sciogliere il lievito nell’acqua e lasciate riposare per circa 10 minuto in modo che cominci ad agire.
Aggiungete la farina, il sale e l’olio ed impastate.
Quando avete ottenuto un impasto omogeneo, trasferite il tutto su un piano da lavoro infarinato e lavorate l’impasto per circa 5 minuti.
Ungete una ciotola con dell’olio e mettetevi dentro l’impasto coprendo con un canovaccio.
Fate quindi riposare per circa almeno un’ora.
Lavorate velocemente il vostro impasto, poi formate una palla e tagliatela in sei parti (se volete dei pita più grandi tagliate l’impasto in quattro parti), formando poi delle palline.
Preriscaldate il forno (e la teglia) a 210° (forno ventilato) o 230° (forno statico) per 4-5 minuti.
Togliete dal forno e fate raffreddare prima di servire.

image

SOURCE: Titli’s busy kitchen
TRADUZIONE: Kazukilicious

[GERMANIA] Pumpernickel~

Argomento del giorno: il Pumpernickel.

Il Pumpernickel è un tipo di pane fatto di sola farina integrale di segale.

Cosa dice Wikipedia a proposito?

“È tipico della cucina tedesca e, precisamente, della regione della Renania Settentrionale- Westfalia. In Germania e nei paesi di lingua tedesca è facilmente reperibile in qualsiasi supermercato come prodotto industriale confezionato.

Secondo la ricetta originale, il pumpernickel viene preparato con una farina di soli semi di segale macinati grossolanamente, lasciata riposare per alcune ore in acqua calda. L’mpasto viene poi infornato in cassetta per moltissime ore a temperatura non elevata. La lunga cottura al forno causa la reazione di Maillard dell’ amido conferisce al pumpernickel il sapore e il colore tradizionali. Inoltre, il fatto di non contenere lievito gli dà una consistenza compatta, umida e fragile, senza crosta.

In alcuni casi però il pumpernickel viene preparato secondo una ricetta più veloce, con aggiunta di lievito e malto e un’infornata più breve. Siccome questa preparazione accelerata non causa una sufficiente ossidazione dell’amido, agli ingredienti viene aggiunto anche sciroppo di zucchero di barbabietola.

Un pane denominato pumpernickel è commercializzato anche negli USA, deriva dal pumpernickel tedesco ed è stato probabilmente importato dagli ebrei emigrati dalla Germania. La preparazione però è decisamente diversa e tra gli ingredienti, per dargli il colore scuro, ci sono addirittura  caffè o cacao in polvere.

Si suppone che il pumpernickel sia stato infornato per la prima volta nel 1570 nella cittadina di Soest, in una panetteria tuttora esistente. Nel Medioevo la posizione di Soest era molto esposta e la città era vittima di frequenti e lunghi assedi. Per questo motivo il pumpernickel, che è un pane conservabile molto a lungo, potrebbe essere stato un cibo di vitale importanza, e quindi essere diventato molto popolare.

L’origine del nome del pumpernickel non è chiara.

Secondo un’interpretazione, deriverebbe da un’espressione turpiloquiale. In alcuni dialetti tedeschi, infatti, pumper indica una flatulenza, probabile conseguenza dell’ingestione di questo pane che è ricchissimo di fibre. Nickel invece è un diminutivo dialettale del nome proprio Nicholas, spesso associato ai folletti.

Anticamente la parola pumpernickel veniva associata al kommisbrot, la razione di pane dei soldati tedeschi.

Source: wikipedia